bannerappx


NEWS & APPUNTAMENTI
ARCHIVE no image

Pubblicato il 11 dicembre 2012 | di Radio X

0

QUANDO LA MUSICA E’ EXTRALIVE!

 Alberto Sanna e Francesco “Fry” Moneti (Modena City Ramblers) si raccontano e suonano dal vivo negli studi di Radio X per una puntata speciale di ExtraLive!  Ascolta il podcast.

 

Alberto Sanna LIVE@RADIO X by Radio X on Mixcloud

 

 

 

ALBERTO SANNA & FRANCESCO FRY MONETI (ModenaCityRamblers) EXTRALIVE! per Cagliari Social Radio

Alberto Sanna: voce, chitarra, armoniche, grancassa, rullante, charleston

Francesco Moneti: violino, mandolino elettrico, chitarra, voce

IUN SODALIZIO NATO SUL PALCO

Due musicisti sul palco, ma moltissimi strumenti in azione, un duo che trova la sua ragion d’essere proprio “on the road”, nella dimensione del tour e nell’ estemporeneità dell’esibizione dal vivo, che mette a nudo la vena musicale di questi due polistrumentisti, capaci di coniugare con passione le potenzialità espressive della canzone rock con le sonorità popolari degli strumenti acustici. 

Un recital intenso e viscerale che profonde un’energia fuori dal comune per un set unplugged in duo.

NO ALLE BASI, NO AI LEGGII, NO AGLI SGABELLI!

Un incontro di corde, pelli e anime quello tra Alberto e Francesco, la comune voglia di mettersi in gioco, di vivere la musica come occasione di scambio, di conoscenza e di crescita. Unavventura partita nellestate del 2010 su un palco davanti al mare. Da subito una sintonia naturale, immediata, un feeling a prima nota. Guardarsi negli occhi e dirsi: facciamo un paio di pezzi assieme? / daccordo, MI maggiore, Bo Diddley rhythm? / ok, vai !

A quel primo incontro ne sono seguiti tanti altri, ad ogni occasione possibile, fino alla decisione di mettere su un vero spettacolo come duo, subito testato nel primo tour di 6 date in Sardegna a Gennaio del 2011, e cementato nel secondo (12 date tra Dicembre 2011 e Gennaio 2012). 

A quel punto la decisione di produrre un CD, per il quale viene allestito un quartetto con le percussioni di Sixto Marquez Tamayo (musicista e danzatore de L’Havana) e il contrabbasso di Maurizio Congiu, musicista di estrazione sia jazz che classica. Il lavoro discografico è stato registrato dal vivo in primavera e sucessivamente presentato in anteprima il 9 settembre con un concerto all’interno dell’European Jazz Expò di Cagliari. 

ALBERTO SANNA 

Icona del rock sardo, cantautore e musicista poliedrico, dagli esordi degli anni 80 con i gruppi storici che hanno tracciato un percorso importante nella storia rock della Sardegna, Alberto Sanna non ha mai smesso di scrivere canzoni e di andare in giro a suonarle, facendo della musica il punto principe della sua vita, diventando una voce significativa dellisola contemporanea. Coerente da sempre al suo modo di essere, non si è mai fermato né arreso davanti agli schemi consolidati della iconografia musicale isolana. Proteso verso un continuo divenire artistico ed umano, è un artista che porta ovunque la sua carica musicale e umana, fatta di autentiche emozioni che trasmette dal vivo al suo pubblico nei suoi concertil. Cagliaritano DOC Alberto è cresciuto suonando rock bianco, e blues, quello della sua pelle, nuda come la sua anima, nera e trasparente come la sua personalità. Un artista sincero che ha dedicato e dedica la sua vita alla sua passione, la musica, ma soprattutto il rock, né sardo, né anglosassone, solo il rock di Alberto Sanna.

Da quando esordì come bassista con i Masoko Tanga nel 1985, sino agli High Voltage/TNT, i Sanna Rock nroll Breakers, Animanera e tanti altri gruppi, lirriducibile del rock and roll ha segnato un itinerario importante nella storia musicale della Sardegna rivedendo in chiave molto personale i generi a lui più cari in tutte le sue forme spontanee e più genuine.

La sua carriera è segnata da un interminabile e appassionante viaggio a ritroso negli anni doro del blues, dellhard rock, dello swing, fino al jive, allo swing e al rocknroll primigenio … un percorso istintivo dentro le origini della musica nera che ama profondamente.

A undici anni inizia a suonare larmonica ispirandosi a Neil Young, Bennato, Bob Dylan. Due anni dopo acquista la sua prima batteria e una Eko a sei corde acustica. Erano i primi anni 70 e la musica inizia a prendere posto nella sua vita. Da allora ascolta senza sosta i grandi artisti inglesi e americani come Elvis, Muddy Waters, Bob Dylan, Bruce Springsteen, i Rolling Stones, Ramones, Lou Reed, Bob Marley, o i cantautori italiani come De Andrè, Guccini, Bennato, De Gregori, musicisti che con una chitarra e unarmonica parlavano di cose vere ai ragazzi come lui. Poi tanti altri: Creedence Clearwater Revival, Led Zeppelin, Crosby, Stills, Nash & Young, Grand Funk, Jethro Tull, Banco Del Mutuo Soccorso, il rock progressive degli Osanna e poi Patty Smith, i Clash di Joe Strummer, fino ai 90 con Pearl Jam, Soundgarden e Nirvana. Un incredibile background musicale che ha segnato la sua anima, rivelatasi implacabilmente blues.

FRANCESCO FRY MONETI 

Polistrumentista estremamente versatile ha nella grande musicalità e nellapproccio molto fisico le sue più evidenti doti artistiche.

Francesco Moneti nasce ad Arezzo, nel cuore dell’Etruria e viene introdotto nel mondo delle 7 note dal padre, chitarrista beat tutt’ora attivo con la sua band di cover anni 60/70.Durante ladolescenza suona il violino e la chitarra in vari gruppi aretini e milita ne GLI INUDIBILI assieme a Pau e Cesare Petricich, che in seguito formeranno la rock band NEGRITA.

Nei primi anni 90 Fry forma la CASA DEL VENTO, importante e seminale folk rock band italiana con la quale continua tuttora a collaborare,sia dal vivo che in studio.

Verso la fine del’95 abbandona la Casa Del Vento per entrare nei MODENA CITY RAMBLERS, band di cui tuttora fa parte.

Durante l anno 2000 viene chiamato a partecipare come figurante e violinista al film kolossal “Gangs of New York”, diretto da Martin Scorsese e che annovera nel cast attori del calibro di Daniel Day Lewis, Cameron Diaz, Liam Neeson e Leonardo Di Caprio.

Parallelamente all’attivita’ live (in buona parter del mondo) e in studio coi MCR, Fry collabora con vari artisti pop e folk, tra cui BANDABARDO’, LOU DALFIN, CRISTINA DONA’, OMAR PEDRINI, PAOLO BENVEGNU’, TOSCA, A’67, MUNICIPALE BALCANICA, FRANZ DI CIOCCIO e i sardi ALMAMEDITERRANEA e ALBERTO SANNA.

Da vari anni a questa parte Fry è stato scelto come endorser e dimostratore di prestigiosi marchi di chitarra, corde, amplificatori e addirittura la liuteria cremasca Carioni gli ha dedicato un modello di violino elettrico signature.

 

Condividi su:
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone


L'autore



I commenti sono chiusi

Torna su ↑