bannerappx


NEWS & APPUNTAMENTI
INCIPIT

Pubblicato il 20 Maggio 2019 | di Radio X

0

Letteratura sarda alla radio: Gian Luca Cogoni e Claudia Zedda a Incipit / P.4

Claudia Zedda con il romanzo “Janàsa” (ed. Condaghes) è l’ospite che apre questa puntata di Incipit. Nella Sardegna nuragica si incontrano sette donne. Alcune sono originarie dell´Isola, altre provengono dal mare. Tutte hanno una particolare competenza, tutte sono fedeli al culto della Madre Terra. Convivendo e creando una piccola società di donne, aiuteranno il villaggio che sorge poco distante dalla loro dimora a prosperare. Le doti delle protagoniste suggestioneranno la popolazione che inizierà lentamente a considerarle maghe, sacerdotesse, guaritrici, veggenti, donne a metà strada fra l´umano e il divino, creando nel tempo il mito di quelle che ancora oggi sull´Isola sono chiamate Janas.

La vicenda viene narrata da Annita alla nipote Piera. È una storia antica che si tramanda da generazioni. Le due donne vivono a Cagliari negli anni difficili della Seconda guerra mondiale, ma non avranno alcuna difficoltà a immedesimarsi nel racconto.

Al microfono di Incipit arriva poi Gian Luca Cogoni con il suo saggio “I Vangeli apocrifi” (ed. Arkadia). Colui che ammirasse le Storie di Gioacchino e Anna magistralmente affrescate da Giotto nella Cappella degli Scrovegni o che allestisse un presepe nel quale trovassero posto una grotta, un bue e un asinello, in cui i Magi fossero tre e i loro nomi quelli di Gaspare, Melchiorre e Baldassare, o che fosse certo che le mani di Gesù siano state trafitte da chiodi, a meno che non sia un cultore di scienze bibliche, quasi certamente crederà di trovarsi dinnanzi a vicende tramandate dal Nuovo Testamento e non a episodi provenienti da testi giudicati eretici, quelli che siamo soliti definire Vangeli Apocrifi. Nati come espressione della fede di alcuni tra i numerosi gruppi di credenti che nei primi due secoli dell’era volgare andavano a comporre il movimento cristiano, essi furono banditi allorquando la Grande Chiesa, in processo di tempo, finì per condannare tutte le visioni di Cristianesimo divergenti da quella “ortodossa” costituitasi attraverso sinodi, concilî, scritti di uomini di fede particolarmente autorevoli (vescovi, eresiologi). In questo volume si ripercorrono le vicende e le “storie” di questi singolari documenti del Cristianesimo delle origini.

ASCOLTA LA PUNTATA

FacebookTwitterWhatsAppTelegramEmail


L'autore



I commenti sono chiusi

Torna su ↑