DDL Zan, e adesso? Un caffè con… Michele Pipìa

«L’affossamento del DDL Zan è stato una sconfitta del Senato italiano, che aveva modo di poter dare all’Italia una legge importante: la pandemia ha messo ancora di più in evidenza quanto anche la famiglia non sia un luogo sicuro. L’abbiamo visto per i femminicidi ma anche per le persone LGBT.» L’ospite dell’appuntamento quotidiano con “Un caffè a Radio X”, in compagnia di Giovanni Follesa è Michele Pipia, rappresentante dell’associazione ARC: con lui abbiamo parlato dei possibili scenari dopo l’affossamento del DDL Zan da parte del Senato e abbiamo cercato di spiegare perché sia così importante approvare una legge contro i reati di violenza fondati sul sesso, sul genere, e sull’orientamento sessuale: «Ieri c’è stata la grande manifestazione all’arco della pace a Milano con più di 10000 persone, ma anche a Roma. Manifestazioni organizzate nell’arco di 12 ore che hanno richiamato tantissima gente e hanno avuto una grandissima risposta perché non ha partecipato solo la comunità LGBT ma tutta l’Italia che è più avanti rispetto al Senato, che dovrebbe essere l’ala matura e saggia del parlamento italiano. A Cagliari partirà questa sera la terza edizione di “Legger_ezza“, con una serie di presentazioni di libri che toccheranno anche il tema dell’omosessualità, e poi domani 30 ottobre alle ore 15 ci troveremo di fronte al THotel per fare un sit-in di protesta, organizzato con tutte le altre realtà sarde per un momento di riflessione ma anche di protesta. Alle 17, sempre al THotel ci sarà Alessandro Zan per presentare il suo libro.»

ASCOLTA LA PUNTATA

FacebookTwitterWhatsAppTelegramEmail

Ti piace quello che facciamo? Aiutaci a crescere. Segui RADIO X su facebook!