Un caffè a Radio X… con Nicolò Migheli

«Questo è il tempo dell’immediato: anche dal punto di vista economico oggi si ragiona a tre mesi. In questo modo non si ha la possibilità di uno slancio programmatico lungo. Uno dei problemi da questo punto di vista è la politica, o meglio il politico, che ragiona in termini di mandato. Noi abbiamo avuto un’esperienza, dal punto di vista storico, estremamente interessante: dal dopoguerra sino agli anni ’90, il fatto che non ci fosse un’alternanza consentiva di fare progetti di medio termine.» Il sociologo Nicolò Migheli è l’ospite dell’appuntamento quotidiano con “Un caffè a Radio X”, in compagnia di Gianluca Floris. Con lui abbiamo parlato di storia, di politica, di società, di futuro, di continuità territoriale e di Sardegna: «Nell’isola c’è una legge elettorale che ha riscontro solo in Turchia: il blocco del 10%. Cioè se una coalizione non raggiunge questa soglia, non può entrare. I sistemi politici, democratici o autoritari, sono però accomunati da un filo, che è quello del mantenimento del potere. Purtroppo il sistema politico sardo è fatto anche di molti elementi di contatto e relazioni tra maggioranza e minoranza che spesso non si vedono. Una sorta di élite molto conservativa. L’unico momento forse di rottura fu quello della giunta guidata da Renato Soru, che infatti fu combattuta pesantemente…»

ASCOLTA LA PUNTATA

FacebookTwitterWhatsAppTelegramEmail

Ti piace quello che facciamo? Aiutaci a crescere. Segui RADIO X su facebook!