Covid-19, Vito Biolchini: «Dalla regione un disastro comunicativo: i ragazzini sardi ascoltano De Luca ma non sanno chi sia Solinas»

«Questa per noi sardi non è la seconda ondata, ma la prima. La situazione è difficile e nessuno ha la bacchetta magica: in Sardegna però c’è un problema di metodo. I ragazzini oggi hanno un mito, che è il presidente De Luca, di cui guardano i video. Un presidente che parla alla popolazione e che sa parlare: oggi i giovani sardi conoscono e ascoltano il presidente della Regione Campania e ignorano l’esistenza del presidente della Regione Sardegna. Probabilmente la situazione è anche migliore di quella che noi oggi vediamo in Sardegna, ma se nessuno ce lo spiega siamo tentati e siamo portati a pensare di essere a un passo dal disastro. Ma un disastro comunicativo porta ad un disastro organizzativo ed emotivo: abbiamo la necessità, da settimane, di capire cosa funziona e cosa non funziona. Invece abbiamo l’impressione che non funzioni niente a fronte di dichiarazioni della politica che invece ci dice che è tutto sotto controllo. È come se non fossero mai capaci di dirci la verità. Oggi c’è la necessità di parole chiare, magari anche non positive, ma chiare.»

Oltre 200 contagi in 24 ore nella giornata di domenica in cui spiccano 117 casi da sospetto diagnostico: dopo la conferenza stampa del Presidente Conte, cresce la preoccupazione per la gestione dell’emergenza nell’isola che fa registrare il nuovo record di una curva in costante aumento. L’apparato sanitario sardo è in grado di reggere l’urto? Gli ospedali sono pronti e attrezzati rispondere all’aggravarsi dell’emergenza? A che punto sono le nuove assunzioni di personale per gli ospedali dell’isola? Che fine ha fatto il comitato tecnico-scientifico? Ne abbiamo parlato all’interno di Extralive mattina con Sergio Benoni, Giovanni Follesa e con l’amico del lunedì, il giornalista Vito Biolchini, autore sul suo blog di un post dal titolo “Davanti alla seconda ondata, Conte parla e Nieddu scappa. E da Solinas un silenzio intollerabile“.

ASCOLTA L’INTERVISTA

FacebookTwitterWhatsAppTelegramEmail

Ti piace quello che facciamo? Aiutaci a crescere. Segui RADIO X su facebook!