Recovery fund – Graziano Milia a Extralive: «Idrogeno e alta velocità per un nuovo sviluppo della Sardegna»

«Una rete ferroviaria ad alta velocità per collegare in tempi brevi Cagliari, Sassari, Nuoro e Olbia e un sistema energetico che punti sull’idrogeno per consentire alla Sardegna di diventare una tra le prime regioni in Europa a emissioni zero.»

In quali settori sarebbe prioritario investire i fondi in arrivo dal Recovery plan? Su quali idee puntare per consentire uno sviluppo importante per la Sardegna? Ne abbiamo parlato all’interno di Extralive mattina con Sergio Benoni, Giovanni Follesa e con Graziano Milia, sindaco di Quartu S. Elena: «Se dobbiamo portare proposte nostre è inutile entrare su questioni che comunque coinvolgeranno: sarebbe bene concentrarsi su poche cose che riteniamo determinanti per cambiare il futuro della Sardegna. Prioritario investire sui collegamenti veloci all’interno dell’isola: realizzare un collegamento ferroviario che in poco più di un’ora porti da Cagliari a Sassari significherebbe integrare queste due realtà urbane, e significherebbe competere con il resto del mondo. Da questo punto di vista oggi Cagliari e Sassari sono poco più che paesi: abbiamo bisogno, per garantire uno sviluppo, di farle diventare delle grandi realtà urbane in collegamento con tutto il resto della Sardegna per combattere lo spopolamento. Senza arterie, i capillari non ricevono sangue. Il secondo punto è un piano energetico che punti all’idrogeno: il metanodotto è stato pensato 30 anni fa e oggi non ha più senso. La Sardegna può già contare sul sole e sul vento: puntando sull’idrogeno potremmo diventare il primo territorio d’Europa a emissioni zero. Un processo che però deve necessariamente passare dalla sburocratizzazione e la semplificazione: se non facciamo questo non cambieremo niente. Se spenderemo queste risorse nei tempi con cui oggi spendiamo le risorse europee, sarà molto difficile.»

ASCOLTA L’INTERVISTA

FacebookTwitterWhatsAppTelegramEmail

Ti piace quello che facciamo? Aiutaci a crescere. Segui RADIO X su facebook!