Controlli Covid19 a Elmas – La testimonianza di Alberto Urgu: «Assembramenti e caos agli arrivi, una situazione da gestire diversamente»

Alberto Urgu - Aeroporto di Elmas

Controlli e tamponi per i passeggeri in arrivo all’aeroporto di Cagliari-Elmas: dalla prima settimana di marzo chi arriva in Sardegna ha l’obbligo di presentare un certificato che certifichi il tampone negativo o il vaccino o può scegliere di fare il tampone dopo lo sbarco. Ma come stanno andando i controlli? La macchina organizzativa riesce a gestire in maniera efficiente gli arrivi dai diversi scali italiani?

Alberto Urgu, giornalista cagliaritano da alcuni anni a Roma, è intervenuto ai microfoni di Extralive per raccontare la sua esperienza e quella dei passeggeri in arrivo in Sardegna: «Un viaggio abbastanza complicato, ma per la Sardegna ne vale sempre la pena. Per arrivare a Cagliari è necessario fare tre autocertificazioni: una per la polizia, una per Alitalia e poi quella della Regione Sardegna da fare attraverso l’app. Va benissimo la sicurezza, ma non si capisce perché siano necessarie 3 autocertificazioni. Il problema nel mio caso è stato agli arrivi: al ritiro bagagli si è formata una fila pazzesca a causa dell’arrivo contemporaneo di tre voli. Una situazione abbastanza caotica che ha generato immediatamente un assembramento che sarebbe stato il caso di prevedere e di gestire in maniera diversa. Si avvicinano i giorni più caldi e forse è necessario cambiare qualcosa nell’organizzazione: arrivare e trovare 300 persone tutte insieme non è il massimo, ma devo dire che i controlli per chi aveva già il certificato (come me) sono stati abbastanza veloci. […] I passeggeri a bordo mi sono sembrati tutti sardi che rientravano, molti militari, anche qualche turista ma non più del 20%. »

ASCOLTA L’INTERVISTA

FacebookTwitterWhatsAppTelegramEmail

Ti piace quello che facciamo? Aiutaci a crescere. Segui RADIO X su facebook!