Pensieri stesi al sole: l’ufficio poetico di Tuttestorie

“Le piante e la terra si scambiano la vita a vicenda (Gabriele e Marco, 8 anni)”

“La terra prima di dormire gira. E dopo che si addormenta, sempre gira. Come fa ad arrivare la mattina se non gira? (Gabriele, 6 anni)

“La terra prima di dormire non beve, perché sennò scende la pioggia e si secca. (Francesca, 7 anni)”.

“La terra mentre dorme sogna di poter accendere l’aria condizionata (Isabella, 8 anni)”.

“La terra è contenta che gli animali le facciano i bisogni addosso, perché le piante nascono più in fretta. (Rebecca, 10 anni)”

“La terra che ci impolvera le mani è la nostra vita. (Giulia, 12 anni)”

Un posto in cui le storie degli scrittori si incontrano con le storie dei bambini e dove ogni anno i bambini declinano a loro modo il tema dell’anno; all’interno del Festival Tuttestorie esiste un luogo magico, in cui i pensieri, asciugati dallo sguardo degli adulti, si possono stendere al sole: ne abbiamo parlato con Andrea Serra, responsabile dell’Ufficio Poetico, che con gli insegnanti e con i ragazzi delle scuole si occupa di far germogliare le idee e raccogliere le più belle in una grande collezione che di anno in anno viene custodita in un prezioso archivio (consultabile qui) che oggi conta oltre 8000 pensieri.

ASCOLTA L’INTERVISTA

FacebookTwitterWhatsAppTelegramEmail

Ti piace quello che facciamo? Aiutaci a crescere. Segui RADIO X su facebook!