Autonomia differenziata, tensioni in maggioranza: «Solinas attaccato pesantemente, mozione di sfiducia necessaria per capire chi lo sostiene ancora»

«Ieri la giornata si è aperta con un post dell’ex presidente della Regione Cappellacci, che ha criticato pesantemente il sì incondizionato dato in Conferenza Stato-Regioni dall’assessore Doria. Con lui, i più arrabbiati erano nella maggioranza. La mozione di sfiducia potrebbe essere calendarizzata per la prossima settimana, e sarà curioso capire se il governatore sarà in aula. E consentirà di fare chiarezza su chi lo sostenga o meno, perché oggi questo presidente della Regione sembra eletto da nessuno e sostenuto da nessuno. La sensazione è quella di un assalto alla diligenza, e noi siamo per far terminare questa esperienza di governo già da oggi. Vedremo chi avrà il coraggio di smarcarsi.»

Francesco Agus, capogruppo dei Progressisti e componente della Commissione sanità in Consiglio regionale è intervenuto questa mattina ai microfoni di Extralive per fare il punto della situazione sul dibattito legato alla riforma Calderoli, tema che negli ultimi giorni ha scaldato gli animi non solo delle opposizioni ma anche di diversi esponenti della maggioranza: «In Consiglio ieri abbiamo assistito a un dibattito vero: la maggioranza non esiste più e il presidente Solinas è stato attaccato pesantemente in aula. Anche perché era assente. Tutti sanno che in realtà non si sta occupando dell’isola. […] La Sardegna ha deciso di disarmarsi e affidarsi completamente al governo nazionale. Ora si introduce il tema dell’insularità come se fosse un vaccino, ma è una follìa. Al ministro Calderoli, atteso in Sardegna per aprile, chiederemo conto delle interviste rilasciate ai giornali locali lombardi e veneti, dove ha dichiarato che con l’autonomia differenziata ci sarà finalmente la possibilità per quelle regioni di tenersi le tasse ed erogare servizi migliori rispetto al resto d’Italia. Forse nella Lega pensano che raccontare una versione diversa all’Unione e alla Nuova possa funzionare.»

ASCOLTA L’INTERVISTA

FacebookTwitterWhatsAppTelegramEmail